Viabilità a Trento: via delle Crosare riaperta al traffico

Con la costruzione della nuova rotatoria sulla SS12, via Crosare è diventata la via di accesso privilegiata del traffico veicolare per tutta la parte nord di Gardolo ed inoltre è stato realizzato il collegamento pedonale interrato sotto la SS12 tra via Crosare e via Sant'Anna

Un'immagine della riapertura - foto Comune di Trento

È stata riaperta ufficialmente, con due settimane di anticipo rispetto a quanto previsto, via Crosare a Gardolo, dopo i lavori curati dal servizio opere di urbanizzazione primaria e iniziati a settembre dell'anno scorso. Il progetto riguardava la sistemazione di un tratto di circa 300 metri della strada, a valle della nuova rotatoria sulla SS12 in località Spini di Gardolo.

Con la costruzione della nuova rotatoria sulla SS12, via Crosare è diventata la via di accesso privilegiata del traffico veicolare per tutta la parte nord di Gardolo ed inoltre è stato realizzato il collegamento pedonale interrato sotto la SS12 tra via Crosare e via Sant'Anna. L'importo complessivo per la realizzazione dell'opera, comprensivo dei costi per espropri ed occupazioni temporanee, oneri fiscali e spostamento sotto-servizi esistenti è pari a 984.116,46 euro. I lavori sono stati affidati al Consorzio Costruttori Trento, con ditta incaricata dell'esecuzione Alco snc di Cologna Alfredo e C. per un importo complessivo di euro 572.801,68 (di cui 35.000 per oneri della sicurezza), con un ribasso del 15.076%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La strada è stata quindi allargata a 6,50 metri ed è stato costruito un nuovo marciapiede di larghezza 1,50 m, in modo da consentire il transito dei pedoni in totale sicurezza. L'allargamento è stato realizzato utilizzando una parte del sedime dell'alveo del Rio Carpenedi, che scorre a fianco della strada ed in parte tramite l'esproprio di proprietà private. L'alveo del rio, che si presentava con fondo in terra e sponde in massi ciclopici, è stato spostato verso la campagna. Le scarpe ed il fondo del nuovo alveo sono realizzate interamente in terra per facilitare le operazioni di manutenzione, come ad esempio il taglio periodico della vegetazione. Dalla parte della campagna è stato costruito un muro idraulico in calcestruzzo, che individua anche il confine della proprietà pubblica, e dal lato della strada un muro di calcestruzzo a sostegno del nuovo marciapiede su cui è stato montato un parapetto metallico.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento