Mori: conclusa la prima fase della demolizione del diedro

Esplosione alle ore 11, un'ora dopo i 240 residenti delle vie evacuate sono rientrati nelle proprie abitazioni, domenica 17 settembre la seconda fase

foto: Massimiliano Plati

Sono andate a buon fine le operazioni di demolizione del diedro roccioso che sovrasta l'abitato di  Mori. La roccia a rischio crolli, per la quale in primavera è stato  costruito il vallo tomo, è stata parzialmente demolita oggi con una carica esplosiva. Alle ore 11 il fragore dell'esplosione seguito da quello dei massi caduti lungo il pendio delle fratte, è risuonato in tutto il paese. I detriti si sono riversati nella pineta sottostante, solamente due grossi massi hanno terminato la loro corsa sul vallo-tomo.

Tanti gli abitanti che si sono radunati in piazza per vedere l'esplosione, tra loro anche i residenti delle vie interessate dalle operazioni, che alle 9.00 hanno dovuto lasciare la propria abitazione. A mezzogiorno circa tutti hanno fatto ritorno a casa. L'operazione si ripeterà domenica 17 settembre, con rinvio in caso di  maltempo a lunedì 18, per la seconda ed ultima fase della demolizione. Anche in questo caso le vie che rientrano nell'ordinanza emanata dal sinndaco saranno evacuate. (ringraziamo Massimiliano Plati per le fotografie che vedete in questo articolo e nella gallery qui sotto)

massimiliano plati 9-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento