Mori: evacuazione annullata perchè non necessaria, la roccia sarà "rimodellata"

Dopo la prima fase della demolizione controllata si è deciso di procedere con piccole esplosioni, che non necessitano di un'evacuazione degli abitanti

foto: Massimiliano Plati

Per la seconda fase delle operazioni di demolizione del diedro che sovrasta l’abitato di Mori non si procederà con un’ulteriore evacuazione della popolazione. Per completare le operazioni saranno eseguiti, spiega una nota, "brillamenti puntuali di ridotte dimensioni". Come comunica il Dipartimento Protezione civile, le operazioni sono state quindi annullate. Si terrà invece un incontro pubblico domani, mercoledì 13 settembre, alle ore 20.00, all’Auditorium di Mori, per spiegare la situaizone.

Dopo la prima fase, quella di domenica 3 settembre, andata a buon fine, la parte superiore del diedro è stata demolita. La Protezione Civile non ha riitenuto necessario procedere  con una  seconda evacuazione: il diedro verrà "rimodellato", così si legge nella nota, con piccole esplosioni. Annualte dunque le operazioni della seconda fase inizialmente prevista per domenica 17 settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

Torna su
TrentoToday è in caricamento