Non ce l'ha fatta la donna estratta dalla valanga, sale a tre il numero delle vittime

I due compagni di ascesa erano stati trovati senza vita, ma lei era tata estratta viva dai finanzieri. Purtroppo non ce l'ha fatta

Ha lottato tra la vita e la morte durante le poche ore di ricovero al S. Chiara di Trento la 32enne austriaca recuperata sul Gran Zebrù dopo essere stata travolta da una valanga a 3200 metri di quota.

Purtroppo non ce l'ha fatta, le condizioni erano parse da subito molto gravi ai soccorritori della Guardia di Finanza di Silandro, che l'hanno estratta viva dalla massa nevosa. Niente da fare, purtroppo per i due compagni d'ascesa, connnazionali, trovati senza vita sotto la valanga.

La giovane scialpinista si presentava in uno stato di prolungata ipotermia ed aveva riportato diversi traumi a causa dell'impatto con la valanga. Era stata trasportata con l'elicottero dell'Aiut Alin all'ospedale di Trento, dove purtroppo è spirata nel pomeriggio di ieri. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento