Ancora gravi i tre scialpinisti travolti dalla valanga alle Pale di San Martino

La valanga nonn li ha sommersi ma trascinati per decine di metri, gravi i traumi riportati dai tre vicentini

Restano ricoverati in gravi condizioni i tre scialpinisti recuperati ieri, sabato 26 maggio, dal Soccorso Alpino  sulle Pale di San Martino, travolti dalla valanga. In particolare risultano molto gravi, tanto da far temere una compromissione delle funzioni vitali, le condizioni di una donna di 48 anni ricoverata  al S. Chiara di Trento ed un uomo 55enne ricoverato all'ospedale di Treviso, vicentini come tutti i membri del gruppo con il  quale stavano affrontando la  forcella sotto cima Bureloni, a quota 2400  metri.

Alle operazioni di soccorso hanno preso parte uommini del Soccorso Alpino  trentino e di  quello veneto, con due elicotteri trentini ed uno del Suem di Pieve di Cadore.  Mentre si concludevano le manovre sanitarie per procedere poi al trasferimento nelle strutture ospedaliere, uno degli elicotteri trentini ha anche provveduto al recupero di un altro gruppo di alpinisti. Questi avevano chiesto aiuto poiché non si fidavano a scendere in quanto si trovavano sulla cima, poco distanti dal punto in cui era appena avvenuto il distacco di una seconda valanga, senza fortunatamente conseguenze.


 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento