Dalla Provincia 400mila euro per i 12 agenti "anti-degrado" a Trento

Rifinanziato il progetto nato nel 2016 da uno stanziamento provinciale di un milione di euro

Rifinanziata dalla Provincia l'unità antidegrado della Polizia Municipale di Trento: 12 agenti, due dei quali inseriti nel nucleo di polizia giudiziaria per le attività di supporto, assunti nel 2016 come "rinforzo" all'organico del Corpo. 

Per la realizzazione del progetto, della durata di due anni la Provincia ha già assegnato al Comune un contributo complessivo di euro 901.018. Con una delibera proposta dall'assessore agli enti locali, la Giunta provinciale, al fine di dare continuità alle attività dell’unità antidegrado, ha finanziato nuovamente il progetto con un contributo di 405 mila euro.

"Gli agenti della polizia locale - si legge nella nota - potranno quindi continuare ad operare nelle zone della città a maggiore rischio e in quelle nelle quali si sono registrati fenomeni di allarme sociale ed in generale in piazze, parchi, luoghi di aggregazione, punti sensibili nel centro cittadino, in zone periferiche e nei sobborghi, dove è particolarmente percepito il senso di insicurezza da parte della cittadinanza".
 

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

I più letti della settimana

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

Torna su
TrentoToday è in caricamento