È ubriaco e gli ritirano la patente: per la rabbia incendia la sua auto

L'uomo, originario del Marocco, nel pomeriggio, era stato denunciato dai Carabinieri di Tione per guida in stato di ebbrezza, con ritiro della patente e quindi nell'impossibilità di usare il veicolo: così ha sfogato la sua rabbia sulla macchina

Verso le 19,00 i militari sono intervenuti a Spiazzo per l’incendio di una macchina, una Nissan Micra, parcheggiata sulla strada. Dopo aver atteso lo spegnimento delle fiamme da parte dei Vigili del Fuoco Volontari del posto, hanno ritrovato una bottiglia con della benzina sotto la vettura, avendo la conferma della dolosità dell’atto. Immediatamente è stato contattato il proprietario ed avviate le indagini. In primis, visionando le telecamere dei dintorni e sentendo i benzinai della zona se qualcuno avesse acquistato del carburante con una bottiglia. La conferma è arrivata quasi subito proprio da un distributore di benzina che descriveva l’uomo e il suo abbigliamento. La sorpresa dei militari è stata quella di constatare che la descrizione coincideva con il proprietario della macchina, che anche quando è stato contattato a casa sua, poche decine di metri lontano dal luogo dell’incendio, era ancora vestito nello stesso modo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ultime verifiche e, a quel punto, le ammissioni dell’uomo, un marocchino di 30 anni, disoccupato, pregiudicato, da diverso tempo residente nella Val Rendena, hanno fatto scattare la denuncia per incendio a suo carico. Motivo del gesto? Anche qui la sorpresa dei Carabinieri non è stata da meno. L'uomo, nel pomeriggio, era stato denunciato dai Carabinieri di Tione per guida in stato di ebbrezza, con ritiro della patente e quindi nell’impossibilità di usare il veicolo: così ha sfogato la sua rabbia sulla macchina. I Carabinieri stanno verificando se, invece, il tentativo non fosse quello di simulare un atto vandalico per poter riscuotere il premio assicurativo. Il tutto è stato trasmesso alla Procura della repubblica di Trento per le valutazioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento