Turisti-ladri a Predazzo: colpo da 1000 euro, poi ripagano il danno

Un 21enne, coperto dagli altri membri della comitiva, si è infilato sotto la giacca vestiti per 1000 euro. Rintracciato ha confessato ed ha pagato il valore della merce

Si sono portati il lavoro in vacanza i ladri-turisti che nei giorni scorsi hanno messo a segno un furto da 1000 euro in un negozio di abbigliamento sportivo a Predazzo. Mentre alcuni membri del gruppo tenevano impegnato il personale del negozio con richieste di informazioni sulla merce esposta un altro turista della stessa compagnia si è infilato sotto la giacca diversi capi d'abbigliamento, particolarmente costosi. 

I gestori del negozio hanno segnalato il furto ai carabinieri il mattino seguente, accorgendosi dell'ingente ammanco in cassa. I carabinieri, visionate le immagini di sorveglianza ed identificati i responsabili, si sono presentati nell'alloggio della comititva dove l'autore materiale del furto indossava addirittura alcuni capi della refurtiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Portato in caserma, dove ha confessato le proprie responsabilità, il giovane ha risarcito dell'ammanco i gestori del negozio, i quali hanno infine ritirato la denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento