"Compra una penna per beneficenza...". Finti volontari anche a Trento

Non si sa se raccolgano soldi per beneficenza, difficile crederlo vista l'insistenza con la quale provano a piazzare delle semplici penne. Un nostro lettore dice di essere stato minacciato

Via San Vigilio, luogo di azione dei truffatori

Fermano le persone per strada, vogliono vendere delle penne, dicono di far parte di un'organizzazione a scopo benefico, ma l'insistenza con la quale cercano di ottenere soldi è molto sospetta, sicuamente molto fastidiosa. Un lettore ci segnala un episodio di questo tipo avvenuto nei giorni scorsi a Trento, all'angolo tra via Calepina e via San Vigilio, in pieno centro storico.

Una vicenda non nuova, che assomiglia molto al caso del quale si era occupato MilanoToday.it (clicca qui). Solitamente questi truffatori (in realtà alcuni casi sono al limite dell'estorsione) sono in azione nelle grandi città. Fermano ragazzini, o anziani, insomma persone sulle quali possono esercitare maggiore pressione, arrivando a spillare anche qualche decina di euro dalle vittime esasperate, ed impaurite. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Riprendeva i bambini al parco: orrore in Val Rendena, arrestato un 40enne insospettabile

  • Scuola

    Nuova maturità, gli studenti: "Non siamo cavie". Piazza Venezia bloccata

  • Attualità

    Abbattuti i due grandi alberi di piazza Lodron

  • Attualità

    Vandali alla chiesa di Montevaccino: distrutte finestre e crocifisso

I più letti della settimana

  • Mancano autisti, Uil: "Contributo ai giovani per le patenti di camion e autobus"

  • Camion rimane "sospeso" sul terrapieno: autista miracolato

  • Disco orario a pile per essere sempre in regola: la Polizia Locale scopre il trucco

  • Bloccati al bivacco, trovano il ghiaccio e non riescono più a scendere

  • Gioia e Ginevra morte sulla A22, la madre a processo per omicidio stradale

  • Arrestati sette anarchici, blitz dell'Antiterrorismo nella notte

Torna su
TrentoToday è in caricamento