Finti diamanti venduti in Val di Non: truffatori denunciati

Sorpresi a Cavareno mentre stavano cercando di piazzare privatamente le pietre preziose che altro non erano se non zirconi

Gli accorgimenti per far sembrare delle semplici pietre "preziose" dei veri e propri diamanti c'erano tutti: dal taglio alll'astuccio con il nome della gioielleria, dallo scrigno all'attestato che ne certificava la purezza. Tutto finto: i "diamanti" che i due pluripregiudicati stavano provando a piazzare in Alta Val di Non altro non erano che pietre di zirconia e moisanite, in gergo zirconi.

I due li avevano acquistati in una gioielleria di Vicenza, e sono stati segnalati, probabilmente da qualche occhio esperto, ai carabinieri di Cavareno. Quando i militari li hanno sorpresi i due erano in compagnia di un terzo soggetto, noneso, che avrebbe fatto da rivenditore, inconsapevole del reale valore  delle  pietre. I carabinieri mettono in guardia gli abitanti della zona: le pietre acquistate nella gioielleria vicentina sono più di tre ed è quindi possibile che qualche "affare" sia andato in porto. i due, italiani di 60  e 42 anni, sono stati denunciati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • Tragico incidente a Pampeago: si schianta fuori pista e muore

  • Incidente al Bus de Vela, traffico bloccato ed ambulanze sul posto

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

Torna su
TrentoToday è in caricamento