Truffa dei buoni sconto nelle Valli Giudicarie

Prima una telefonata, poi la visita di un venditore che propone un catalogo, ma il vero obiettivo è la firma di un contratto d'acquisto

Nuova truffa segnalata alla Polizia Locale delle Giudicarie, che mette in guardia i residenti. I truffatori telefonano a casa annunciando la visita di un venditore. Anche in questo caso, come succede spesso, le vittime  predilette sono persone anziane. A distanza di un mese il ennditore si presenta alla porta proponendo allettanti buoni sconto ed una vasta scelta di beni acquistabili attraverso un catalogo. Solamente alla fine della chiacchierate la vittima viene invitata a firmare dei documenti il cui contenuto non viene specificato. 

Si tratta di veri e propri contratti con i quali il consumatore si impegna ad acquistare beni per un importo minimo che va dai 2500 ai 3500 euro. Le persone raggirate si sono rivolte alla Polizia Locale dopo essersi rifiutate di efettuare i pagamenti, ricevendo per tutta risposta la fantomatica minaccia di cause giudiziarie da parte dell'azienda. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento