Truffa dei buoni sconto nelle Valli Giudicarie

Prima una telefonata, poi la visita di un venditore che propone un catalogo, ma il vero obiettivo è la firma di un contratto d'acquisto

Nuova truffa segnalata alla Polizia Locale delle Giudicarie, che mette in guardia i residenti. I truffatori telefonano a casa annunciando la visita di un venditore. Anche in questo caso, come succede spesso, le vittime  predilette sono persone anziane. A distanza di un mese il ennditore si presenta alla porta proponendo allettanti buoni sconto ed una vasta scelta di beni acquistabili attraverso un catalogo. Solamente alla fine della chiacchierate la vittima viene invitata a firmare dei documenti il cui contenuto non viene specificato. 

Si tratta di veri e propri contratti con i quali il consumatore si impegna ad acquistare beni per un importo minimo che va dai 2500 ai 3500 euro. Le persone raggirate si sono rivolte alla Polizia Locale dopo essersi rifiutate di efettuare i pagamenti, ricevendo per tutta risposta la fantomatica minaccia di cause giudiziarie da parte dell'azienda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Aeroporto di Bolzano: in arrivo voli per Roma, Vienna e altre destinazioni

  • Paura a Dro, si sente male alla guida davanti a un minimarket: 54enne portato via in elicottero

Torna su
TrentoToday è in caricamento