Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

Uno studio dell'Istituto Einaudi indica come possibile data di "contagio zero" in Trentino il 6 aprile. Il direttore di Apss: "Possiamo dire che il picco è passato, ma la prossima settimana sarà la più difficile"

Tamponi drove-through in Trentino

Il Trentino Alto Adige potrebbe essere la prima regione d'Italia a "liberarsi" dal contagio di coronavirus. La data che risulta dall'analisi dei numeri forniti dalla Protezione Civile è quella del 6 aprile per il "contagio zero" in Trentino. 

Coronavirus: ecco la situazione in Trentino

A dirlo è uno studio dell'Einaudi Institute for Economics and Finance di Roma. Ovviamente da prendere con i guanti. Al di là della data, che è chiaramente solo un'ipotesi così come lo è il fatto che la curva scenda con la stessa regolarità con la quale è cresciuta fino a ieri, il dato significativo è che il Trentino sarebbe in testa in questa "corsa" al contenimento del contagio. Ovviamente la data, oltretutto ipotetica e calcolata in base a proiezioni, non dice nulla su un'eventuale termine delle varie misure prese per l'emergenza, ma riguarda solamente i casi di contagio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco lo studio, clicca qui

Una "classifica" che sembra stridere con quanto ribadito ieri ed oggi nella consueta conferenza stampa di aggiornamento, ovvero il fatto che il Trentino sia sopra la media nazionale per decessi e contagiati. A commentare, più che cautamente, lo studio dell'Eief è il direttore dell'Azienda sanitaria provinciale Paolo Bordon: "l'Istituto Einaudi è specializzato in studi economici - ha detto, lasciando intendere che non si tratta di un'autorità in campo medico ma, casomai, in campo statistico - speriamo siano notizie veritiere: difficile dirlo oggi, noi ci basiamo su dati scientifici e come abbiamo raccontato negli scorsi giorni riteniamo che la fase di picco sia passata, ma siamo preoccupati per l'onda lunga di questi contagi, per l'impatto a lungo termine sulle nostre strutture ospedaliere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento