Traffico di carburante, 133 indagati: la rete passava anche per il Trentino

Maxioperazione del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza: sedi in molte regioni italiane, Trentino compreso, ed anche all'estero

La "sede principale" era in Calabria, ma altre basi logistiche erano presenti in tutta Italia: Sicilia, Puglia, Campania, Lazio Veneto  ed anche Trentino Alto Adige. Sono 133 le persone indagate in seguito ad  un'operazione del Nucleo di Polizia tributaria della Gardia di Finanza, che ha scardinatouna fitta rete di traffico di carburante, attiva sul territorio nazionale, in diversi Stati europei ed in Svizzera. Si parla di una frode di Iva ed accise per 37 milioni di euro, ed un sequestro di beni e somme per 19,5 milioni di euro tra conti correnti, depositi titoli e polizze, ma anche auto, terreni ed immobili, comprese alcune ville nel ragusano. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento