Mobilità alternativa con funicolare da Trento a Povo: costerà 27,5 milioni

Lo studio di fattibilità, elaborato di concerto tra la Provincia e la società Trentino Trasporti, ha portato alla scelta della tecnologia della funicolare a terra con vetture a casse basculanti per il collegamento tra Piazza Venezia e la frazione di Povo

La Provincia pensa concretamente ad un collegamento tra Trento e Povo con mobilità alternativa. Un'idea già nota, su cui si sono fatte ipotesi più o meno realistiche, ma che è stata inserita oggi nell'aggiornamento del Piano Urbano della Mobilità del Comune di Trento e nel Piano degli investimenti nel settore dei trasporti 2014 - 2018. Lo studio di fattibilità, elaborato di concerto tra la Provincia e la società Trentino Trasporti, ha portato alla scelta della tecnologia della funicolare a terra con vetture a casse basculanti per il collegamento tra Piazza Venezia e la frazione di Povo con una fermata nei pressi della facoltà di Ingegneria di Mesiano e della fermata della ferrovia della Valsugana, per una spesa complessiva stimata in 27 milioni e 500.000 euro. L'idea è di garantire un efficiente sistema di trasporto pubblico, a bassa emissione. Il nuovo servizio consentirebbe la riduzione delle corse del servizio di trasporto pubblico su gomma, in particolare si arriverebbe alla soppressione di più di 30 corse al giorno. Conseuenza dovrebbe essere quella di ridurre i flussi di traffico privato legati agli spostamenti dalla collina, in particolare dalla frazione di Povo, alla città. Povo, infatti, oltre ad essere un sobborgo residenziale di Trento, con oltre 5000 abitanti, è sede del polo scientifico universitario e del centro di ricerca della FBK, che insieme attraggono quotidianamente circa 3000 persone, per motivi di lavoro e di studio. A questi vanno aggiunti quanti raggiungono la sede di Ingegneria di Mesiano, circa 1850 persone tra studenti docenti e personale tecnico amministrativo. Il collegamento previsto intercetterebbe la linea ferroviaria Trento-Venezia in prossimità della fermata denominata Povo-Mesiano, consentendo così un efficiente collegamento intermodale del sobborgo, con il capoluogo da una parte (in alternativa agli autobus urbani) e con la Valsugana dall'altra.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Luci soffuse e radio spenta, così un barbiere di Rovereto taglia i capelli ai bimbi autistici

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

  • Lo spettacolo della 'galaverna' in Valsugana

Torna su
TrentoToday è in caricamento