Furgone fuori norma con carne e pesce surgelati: la Finanza sequestra la merce

Non era certo un mezzo adatto al trasporto di prodotti surgelati quello fermato a Vezzano dalla Finanza. Molti prodotti, inoltre, erano aperti e privi di etichetta

La Guardia di Finanza di Trento, durante un controllo su strada, ha sequestrato per violazioni alle norme igienico-sanitarie oltre mezzo quintale di prodotti surgelati, destinati al consumo alimentare, trasportati su un furgoncino intercettato durante un normale controllo stradale domenica 25 novembre sulla statale 45 bis a Vezzano.

Alla guida un cittadino del Bangladesh, 32enne, regolarmente residente in Italia e dipendente presso un piccolo negozio di merce varia attivo da un anno e mezzo a Trento.

Nel procedere all'ispezione del carico i finanzieri si sono subito accorti che alcuni surgelati erano trasportati in borse di plastica aperte. Il mezzo non era chiaramente destinato al trasporto di prodotti surgelati, e la temperatura interna era superiore ai 18° previsti per legge.

Molti prodotti, infine, erano privi dell'etichetta che ne indica l'origine e la filiera oltre, ovviamente, alla data di scadenza, sconosciuta. La merce è stata posta sotto sequestro e l'uomo alla guida del furgone rischia una sanzione amministrativa fino a 5.000 euro. 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

Torna su
TrentoToday è in caricamento