Furgone fuori norma con carne e pesce surgelati: la Finanza sequestra la merce

Non era certo un mezzo adatto al trasporto di prodotti surgelati quello fermato a Vezzano dalla Finanza. Molti prodotti, inoltre, erano aperti e privi di etichetta

La Guardia di Finanza di Trento, durante un controllo su strada, ha sequestrato per violazioni alle norme igienico-sanitarie oltre mezzo quintale di prodotti surgelati, destinati al consumo alimentare, trasportati su un furgoncino intercettato durante un normale controllo stradale domenica 25 novembre sulla statale 45 bis a Vezzano.

Alla guida un cittadino del Bangladesh, 32enne, regolarmente residente in Italia e dipendente presso un piccolo negozio di merce varia attivo da un anno e mezzo a Trento.

Nel procedere all'ispezione del carico i finanzieri si sono subito accorti che alcuni surgelati erano trasportati in borse di plastica aperte. Il mezzo non era chiaramente destinato al trasporto di prodotti surgelati, e la temperatura interna era superiore ai 18° previsti per legge.

Molti prodotti, infine, erano privi dell'etichetta che ne indica l'origine e la filiera oltre, ovviamente, alla data di scadenza, sconosciuta. La merce è stata posta sotto sequestro e l'uomo alla guida del furgone rischia una sanzione amministrativa fino a 5.000 euro. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento