Ragazza perseguitata per 4 anni da un uomo che le rende la vita un inferno: arrestato stalker

A finire in manette dopo l'intervento dei carabinieri un 41enne pakistano. Vittima una giovane commessa di un supermercato

Immagine repertorio

Per anni ha reso un inferno la vita di una ragazza e per questo è stato arrestato dai carabinieri. A finire in manette con l'accusa di stalking un 41enne pakistano, che nel pomeriggio di martedì è stato segnalato dalla vittima, giovane commessa in un supermercato del centro di Rovereto.

Lo stalker era già destinatario di un ammonimento con divieto di avvicinarsi a tutti i luoghi frequentati dalla vittima perché da quattro anni la perseguitava. L'incubo per la ragazza era iniziato quando l'uomo l'aveva vista per la prima volta facendo la spesa nel negozio dove lei lavora. Dopo quel primo incontro ha iniziato a tormentarla, aspettandola fuori dal supermercato, seguendola dopo i turni di lavoro, avvicinandola e dicendole di considerarla la sua sposa. Il tutto nonostante il suo netto rifiuto.

La roveretana, spaventata per la continua presenza dello stalker, si faceva accompagnare da casa al lavoro e viceversa dai familiari o dagli amici. Poi, quando la presenza dell'uomo è diventata ancora più assidua, la giovane si è rivolta alle forze dell'ordine, ottenendo un ammonimento nei suoi confronti. Ma il provvedimento ha avuto effetto solo per poco: la persecuzione è ricominciata presto, per poi concludersi, finalmente, con l'arresto di martedì.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

  • Incidente a Ledro, motociclista perde il controllo e si schianta: portato via in elicottero

Torna su
TrentoToday è in caricamento