Tecnologia: dimmi quanto è sporco il tuo smartphone e ti dirò chi sei

Analizzando le molecole trovate sugli smartphone, i ricercatori dell'Università di San Diego possono determinare il sesso del proprietario, se utilizza cosmetici di fascia alta, se ha i capelli tinti, preferisce la birra, gli/le piace il cibo piccante, se ha la depressione...

Esempio di batteri su uno smartphone

La gente lascia tracce di prodotti chimici, molecole e microbi in ogni oggetto che tocca. Analizzando le molecole trovate sugli smartphone, si potrebbe persino affermare se una persona è probabilmente femmina, utilizza cosmetici di fascia alta, ha i capelli tinti, preferisce la birra, le piace il cibo piccante, ha la depressione, usa protezione solare e repellente per insetti e quindi probabilmente passa molto tempo all'esterno. Attraverso il campionamento delle molecole sui cellulari, i ricercatori della Facoltà di Medicina nel campus di Boulder, il Skaggs Facoltà di Farmacia e Scienze Farmaceutiche della California a San Diego, Stati Uniti, potrebbero sviluppare schemi sullo stile di vita del proprietario di ciascun telefono, tra cui la sua dieta, prodotti per l'igiene preferiti, stato di salute e luoghi visitati. Questo studio, pubblicato lunedì sulla rivista scientifica «Proceedings of the National Academy of Sciences», potrebbe avere un numero di applicazioni diverse, tra cui i test dei profili di rilevanza penale agli aeroporti, monitoraggio dell'aderenza ai farmaci, stratificazione dei partecipanti negli studi clinici e studi di esposizione ambientale.

L'autore principale, Pieter Dorrestein, utilizza come esempio la circostanza come, è possibile immaginare uno scenario in cui si trova con un oggetto personale un investigatore nella scena del crimine come un telefono, una penna o una chiave senza tracce di impronte digitali o di DNA o con tracce o DNA che non si trova nel database per determinare a chi appartiene. L'ultimo lavoro di Dorrestein ha coinvolto 39 volontari adulti sani. La squadra ha prelevato campioni da quattro punti sul telefono cellulare e da otto punti sul lato destro di ogni persona, per un totale di quasi 500 campioni, usando una tecnica chiamata spettrometria di massa per rilevare molecole dei campioni. 

I ricercatori hanno identificato il maggior numero possibile di molecole confrontandole con le strutture di riferimento nel database di PNL, un repository di conoscenza della spettrometria di massa di 'crowdsourcing' e un sito web di annotazione sviluppato da Dorrestein e co-autore Nuno Bandeira, professore associato della scuola di ingegneria e facoltà di farmacia dell'Università di San Diego. Con queste informazioni, i ricercatori hanno sviluppato uno stile di vita personalizzato "leggendolo" su ogni telefono. Alcuni dei farmaci rilevati sui telefoni includono creme anti-infiammatorie e antifungino per la pelle, trattamenti per la perdita dei capelli, antidepressivi e gocce per gli occhi e tra le molecole del cibo presenti agrumi, caffeina, erbe e spezie. La crema solare e un repellente per zanzare con ingredienti DEET, sono stati rilevati in telefoni anche a distanza di mesi, suggerendo che questi oggetti possono fornire segnali sullo stile di vita anche a lungo termine.

Queste 'letture molecolari' forniscono un profilo generale dello stile di vita della persona, ma non sono destinate ad essere abbinate come un'impronta digitale. I ricercatori hanno già cominciato a estendere il loro studio ad altre 80 persone e a campioni di altri oggetti personali, come portafogli e chiavi. Sperano anche di iniziare presto ad ottenere informazioni di ogni campione di raccolta, le identità di molti batteri e altri microbi che coprono la pelle e gli oggetti. In uno studio del 2010, un collaboratore e co-autore, Rob Knight, direttore del centro per l'innovazione del Microbiome dell'UC di San Diego, ha contribuito ad uno studio in cui il su team ha scoperto che solitamente si potrebbe abbinare una tastiera di computer al suo proprietario basando solo su popolazioni microbiche uniche che la persona ha lasciata sul pc.

Oltre alla medicina legale, gli scienziati credeno che letture di tracce molecolare potrebbero essere utilizzate anche in studi medici e ambientali. Per esempio, i medici forse un giorno potrebbero valutare l'adesione di un paziente ad un regime del farmaco di metaboliti sulla pelle. Infine, secondo i ricercatori, le letture delle molecole della pelle possono anche fornire informazioni utili sull'esposizione di una persona ai rischi ambientali e chimici inquinanti, come in un ambiente di lavoro ad alto rischio o in una comunità che vive vicino a una potenziale fonte di contaminazione.

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento