Spara al gatto della vicina: in casa ha dieci fucili abusivi

Un piccolo arsenale scoperto dai Carabinieri dopo che una donna si è presentata in caserma con il gatto ferito

Ha sparato al gatto della vicina, in casa aveva un arsenale. Le indagini dei Carabinieri di Castello Tesino sono nate quando una donna del paese si è presentata in caserma con il proprio gatto e dei referti veterinari che ne attestavano il ferimento con dei pallini, sparati molto probabilmente da una pistola ad aria compressa. 

I carabinieri le chiedono se abbia qualche sospetto, ma la donna rifeisce di avere buoni rapporti di vicinato con chiunque. Il cerchio viene stretto attorno all'unico cacciatore dei dintorni, 59enne italiano. I militari si sono presentati alla porta con un mandato di perquisizione.

Quello che scoprono ha dell'incredibile: non solo viene ritrovato il fucile ad aria compressa compatibile con il pallino ritrovato nel corpo del gatto, ma ben dieci fucili da caccia, veri, mai denunciati alle autorità. Un vero e proprio arsenale in casa, ora completamente sequestrato. L'uomo si è visto togliere il porto d'armi ed è stato denunciato, oltre che per maltrattamento di animali, per detenzione abusiva di aermi e munizioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento