Spaccio in Piazza Dante: vedono gli agenti ed ingoiano gli ovuli

Cinque arrestati e cinque denunciaati in piazza Dante negli ultimi giorni, alcuni spacciatori hanno tentato di ingoiare gli ovuli di droga, a rischio della propria vita

Ovuli di cocaina, utilizzati per trasportare la sostanza nello stomaco

Negli ultimi 15 giorni la Squadra Mobile di Trento, nell’ambito delle azioni contro lo spaccio di sostanze stupefacenti, ha arrestato in piazza Dante 3 cittadini nigeriani e denunciato altri 5 per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Negli stessi giorni sono stati, inoltre, arrestati un cittadino tunisino per sospensione dell’ordine di carcerazione e un latitante nigeriano a Cagliari.

Gli arrestati, alcuni dei quali già coinvolti nell’operazione “Bombizona”, che aveva portato all’arresto di oltre 20 persone ed al divieto di dimora nella provincia di Trento di altrettante, presidiavano, nelle ore centrali della giornata, piazza Dante in attesa dei “clienti”. In diverse occasioni gli agenti dopo aver visto il classico scambio denaro/droga hanno dovuto, in modo repentino, bloccare gli spacciatori che, scoperti, tentavano di ingoiare i restanti ovuli, anche a rischio della propria vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

Torna su
TrentoToday è in caricamento