Una piazza per Valeria Solesin, lunedì la cerimonia di intitolazione

A più di due anni dalla morte della ricercatrice veneziana, laureatasi a Trento, diventa realtà la decisione, presa nel marzo scorso, di dedicarle la piazzetta del nuovo studentato Mayer

Lunedì prossimo 29 gennaio l'Università degli Studi di Trento, l'Università Ca' Foscari Venezia e l'Université Sorbonne-Paris-Cité celebreranno a Trento Valeria Solesin, la giovane ricercatrice italiana uccisa nella strage del Bataclan a Parigi il 13 novembre 2015. 

Sarà una giornata di studi dedicata alle donne ricercatrici ed alle difficoltà ancora esistenti di conciliare famiglia e carriera, nelle università e non solo.

Nel corso della giornata, alle 12.45, è prevista anche una cerimonia nei pressi dello studentato di via Lampi per l'inaugurazione della piazzetta che sarà intitolata a Valeria Solesin.

La decisione di intitolare una piazza, accanto al nuovo studentato di prossima apertura, alla ricercatrice veneziana laureatasi a Trento era stata approvata all'unanimità dal Consiglio Comunale nel marzo scorso.

Trento non dimentica nemmeno un altro ricercatore italiano morto misteriosamente all'etero: giovedì 25 gennaio in Piazza Pasi alle ore 19 la sezione trentina di Amnesty International organizza un presidio per chiedere verità e giustizia su Giulio Regeni a due anni dalla scomparsa. L'appuntamento ha già raccolto 2500 adesioni su facebook.

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Falena gigante sul balcone di una nostra lettrice: ecco di che specie si tratta, la spiegazione del Muse

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento