Malaria, caso archiviato. Il padre di Sofia: "Così è come se non fosse successo"

Risarcimento civile, ma nessuna ammissione di colpa per la morte della piccola Sofia, contagiata da malaria nell'ospedale di Trento

"E' come se non fosse successo niente". Questo l'amaro commento, rilasciato ai microfoni del TGR Trentino, del padre di Sofia Zago, la bambina morta a soli 4 anni per un contagio di malaria avvenuto all'ospedale S. Chiara di Trento. Dopo un anno di minuziose indagini la Procura ha chiesto l'archiviazione per l'infermiera che si trovava nella stanza della piccola al momento del contagio, precedentemente indagata per omicidio colposo. "Il risarcimento non servirà a dirci la verità, nessuno ci ha chiesto scusa" spiega il padre della bambina, che insieme alla moglie ha fondato un'associazione di beneficenza con il denaro ricevuto in sede civile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Limiti di velocità solo per le moto sulle strade di montagna

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento