Sassi contro i carabinieri, patteggia un anno di reclusione

Il ragazzo stava "bivaccando" insieme a due coetanei in un'area privata, alla vista delle divise ha iniziato a tirare sassi per poi scappare lungo le rive del Leno, ma alla fine è stato bloccato

Ha patteggiato dodici mesi di reclusione il ventenne, di origini marocchine, arrestato domenica pomeriggio dai carabinieri di Rovereto dopo una rocambolesca "caccia all'uomo" sulle  rive del Leno. Tutto è cominciato verso le 17.30 quando alcuni residenti allarmati hanno chiamato il 112 segnalando la presenza di tre giovani, evidentemente ubriachi, in una proprietà privvata.

All'arrivo della pattuglia due di loro hanno fornito i documenti mentre il terzo avrebbe iniziato ad inveire contro le divise lanciando anche dei sassi, per poi ffuggire tra i canneti lungo il torrente. E' stato rintracciato in breve tempo e porrtato in caserma. Ieri il patteggiamento. 

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Sciopero generale dei trasporti il 24 luglio: tutte le info

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento