Esplosione controllata della placca rocciosa a Sarche: ecco le strade chiuse

Ne corso dell'operazione denominata "Placca 3" sono state disposte chiusure lungo la viabilità provinciale e comunale, il divieto vale anche per percorsi forestali, ciclabili e sentieri

L'abitato di Sarche si prepara all'evacuazione di domenica 30 ottobre necessaria alla  rimozione, tramite esplosione controllata, di una placca rocciosa instabile che sovrasta  il paese. Oltre alle  disposizioni contenute nell'ordinanza del sindaco (clicca qui) rivolta ai residenti delle zone interessate. che dovranno abbandonare le proprie abitazioni per tutta la mattinata soono state disposte chiusure lungo la viabilità provinciale e comunale, il  divieto vale anche per percorsi forestali e pedonali. Ecco l'elenco così come comunicato dalla Provincia: 

Queste le chiusure temporanee prediposte nella giornata di domenica 30 ottobre 2016, nel comune di Madruzzo per le tratte stradali e negli intervalli orari di seguito specificati:

nel tratto della S.S. n. 237 del Caffaro compreso tra la pr. km 109,980 (imbocco lato Tione del ponte sul torrente Sarca) e la pr. km 110,420 (intersezione con la S.S. n. 45 bis della Gardesana Occidentale), dalle ore 10.50 alle ore 12.30 e in ogni caso fino a cessate esigenze per tutte le categorie di veicoli e per i pedoni;
nel tratto della S.S. n. 45 bis della Gardesana Occidentale compreso tra la pr. km 135,340 (abitato di Sarche in prossimità della Chiesa) e la pr. km 137,910 (in corrispondenza della rotatoria per l’intersezione con la S.P. n. 245), dalle ore 10.40 alle ore 12.30 e in ogni caso fino a cessate esigenze per tutte le categorie di veicoli; nel tratto della S.S. n. 45 bis della Gardesana Occidentale interno al centro abitato di Sarche compreso tra la pr. km 135,030 (in corrispondenza della rotatoria per l’intersezione con la S.P. n. 214) e la pr. km 135,340 (in prossimità della Chiesa), dalle ore 10.50 alle ore 12.30 e in ogni caso fino a cessate esigenze, per tutte le categorie di veicoli e per i pedoni;
istituzione di obbligo di svolta a destra sulla S.S. n. 45 bis della Gardesana Occidentale alla pr. km 140,440 in corrispondenza dello svincolo per il raccordo con la S.P. n. 84 di Cavedine (comune di Vallelaghi) per tutte le categorie di veicoli a motore provenienti da Trento e diretti verso Brescia con deviazione sulla medesima S.P. n. 84, per il giorno 30.10.2016 dalle ore 10.40 alle ore 12.30 e in ogni caso fino a cessate esigenze.

Anche i tratti di strade comunali ricadenti nel raggio di 250 metri della "zona rossa" saranno naturalmente interdetti al passaggio di persone e mezzi tramite posti di blocco presidiati dalle Forze dell'Ordine, Polizia locale e Forestali. La stessa cosa vale per i sentieri di accesso alle palestre di roccia della parete interessata alla rimozione della placca rocciosa pericolante e per il sentiero che porta alla ferrata "Pisetta", nonché per la ciclabile della Valle dei Laghi. Le limitazioni alla circolazione di cui sopra saranno rese note al pubblico mediante la posa in opera della segnaletica regolamentare a cura del Servizio Gestione Strade della Provincia Autonoma di Trento.

Chiusura-strade_Placca-3-definitivo_imagefullwide-2Placca-3_zona-rossa-1_imagefullwide-2

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento