L'astronauta ai ragazzi: "Tenete stretta la vostra passione"

Un saluto speciale a Trento ed un augurio ai ragazzi delle elementari e medie che hanno seguito questo pomeriggio il collegamento con la stazione spaziale internazionale domandando a Samanhta Cristoforetti come sia vivere nello spazio: "faccio ginnastica, ascolto musica e...corro sulle pareti"

Tutti gli occhi su di lei, e per una volta non rivolti verso il cielo: l'astronauta trentina Samantha Cristoforetti è stata la protagonista del collegamento organizzato oggi al Muse per sentire dalla voce della diretta interessata curiosità e abitudini della vita nello spazio. I fortunati spettatori sono stati gli alunni di tre scuole trentine, la classe terza delle Manzoni e quella delle elementari di Aldeno e la prima media della scuola Giovanni Ciccolini di Malè, il paese dove Samantha, nata a Milano, ha vissuto da piccola con la famiglia. Il collegamento si è svolto contemporaneamente con Trento, Vienna e Madrid. Al turno di Trento Enrico, Giulia, Matilde e Matteo hanno rivolto direttamente le domande all'astronauta. La curiosità principale: il cibo. Come si mangia a bordo dell'ISS, la stazione spaziale internazionale? Gli studenti hanno così scoperto che il menù di Samantha è stato stabilito da un nutrizionista in Italia, prima della sua partenza. Per l'astronauta il sapore del cibo non è diverso rispetto alla terra, anche se molti suoi colleghi dicono che lo è. Ma la salute è anche movimento: Samantha ogni giorno fa ginnastica e non può saltare mai un allenamento altrimenti potrebbe avere problemi.

Si impara anche che nello spazio non esistono il giorno e la notte. “Circoliamo intorno alla terra. Quindi facciano 15 volte l'alternanza giorno notte, ma non andiamo a dormire 15 volte”. Hanno appreso che i processi biologici - dormire, mangiare – sono uguali rispetto al vivere nella terra. “Dormire, mangiare è la stessa cosa. Un po' diversa è la meccanica perché non dormi su un letto e come se vagassi a mezz’aria. A me piace. Bisogna stare attenti mentre mangi, a non perdere il cibo”. Hanno infine capito che anche lassù il lavoro di squadra è fondamentale: “Noi non litighiamo, discutiamo. Valutiamo i pro e i contro, in caso di problemi ci confrontiamo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grazie all'assenza di gravità corriamo anche sulle pareti - ha raccontato l'astronauta - abbiamo tanti esercizi da fare per evitare problemi cardiovascolari e alle ossa". E ancora, è stato chiesto, com'è dormire tra le stelle? "Qui non esistono giorno e notte, ci mettiamo circa 90 minuti per fare un giro attorno alla terra, quindi giriamo molte volte nell'arco delle 24 ore, che teniamo come riferimento per regolare la nostra giornata". A Samantha, che si è presentata, come altre volte, con il pupazzo portafortuna Olaf tra le mani, i ragazzi hanno chiesto anche se ascoltasse della musica. "Mi sono portata moltissima musica di generi diversi, visto che dovrò rimanere qui per sei mesi, che è molto tempo - ha risposto -. Scelgo le canzoni da ascoltare a seconda di quello che sto facendo in quel momento, se la situazione è più tranquilla o più faticosa". Infine un saluto "speciale", così ha detto Astrosamantha, a Trento ed un augurio ai ragazzi: "Tenete stretta la vostra passione per lo spazio e in bocca al lupo per il vostro futuro". Alle 20.30 il video verrà riproposto e commentato all'interno di un incontro (ingresso libero) dedicato alla missione spaziale, clicca qui...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

  • Video "hard" durante la lezione online delle elementari

Torna su
TrentoToday è in caricamento