Prostituzione minorile: una condanna ed un'assoluzione per il caso della "Ruby trentina"

Si è concluso a Trento il processo per un caso di prostituzione minorile che fece molto discutere: 4 ani e 6 mesi di reclusione per l'aguzzino, assolta invece la compagna, con la quale la vittima, all'epoca minorenne, aveva instaurato un rapporto di amicizia

Si è concluso con una condanna a 4 anni e mezzo di detenzione, una multa da 11.000 euro ed un risarcimento di 7.000 per la vittima il processo, celebrato a Trento, a carico di Lucio Gottardi, bellunese, accusato di sfruttamento della prostituzione minorileall'interno del caso che fu soprannominato della "Ruby trentina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima, all'epoca dei fatti minorenne, decise di parlare e denunciare i suoi sfruttatori, tra cui Gottardi. Assolta da ogni accusa la compagna dell'uomo, Paula Regina Pereira, cittadina brasiliana, poichè, si legge nella sentenza, "il fatto non sussiste".  Leggi la notizia su VeronaSera, clicca qui...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

Torna su
TrentoToday è in caricamento