Tre alpinisti berlinesi recuperati nella notte. Il Soccorso Alpino: "Attenzione alla neve ancora presente in quota"

Avevano ormai terminato la via ferrata della Roda de Vael quando sono scivolati in un canalone nevoso, recuperati a mezzanotte

Sono stati recuperati a tarda notte tra le rocce del Catinaccio i tre escursionisti berlinesi bloccati dal pomeriggio di ieri, lunedì 11 giugno, sulla ferrata della Roda di Vael. I tre, due uomini ed una donna, avevano completato la via attrezzata quando, ormai giunti in cima, sono scivolati per una cinquantina di metri lungo un canalone dove è ancora presente una lingua di neve. 

La chiamata al 112 è arrivata alle 22.15, immediato l'intervento del Soccorso Alpino che, giunto in quota con l'elicottero, ha recuperato i tre con il verricello. I tre giovani erano, fortunatamente, in buone condizioni fisiche. La loro situazione, però, visto il buio ed il punto particolarmente impervio in cui erano finiti, ha fatto temere il peggio. Il Soccorso Alpino raccomanda la massima attenzione, anche nel corso di semplici escursioni, per la presenza di tratti di neve in quota. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Attualità

    Arrivano i turisti: già oggi code verso il Garda

  • Green

    Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Attualità

    Tagli all'accoglienza: cinque addetti ai pasti perdono il lavoro

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • Muore a 19 anni dopo un malore in piscina

  • Dimostrazione a scuola con il cane antidroga, poi i carabinieri fermano un ragazzo

Torna su
TrentoToday è in caricamento