Rissa fuori dalla discoteca: arrestati due ragazzi e tre ragazze diciottenni

Hanno 32 e 22 anni i "contendenti" di una lite scattata all'alba in una discoteca di Trento, arrestate anche tre ragazze per resistenza e minacce a pubblico ufficiale

Rissa all'alba fuori dalla discoteca di via Maccani, a Trento Nord. Cinque presunti responsabili sono stati arrestati al termine di una giornata di indagini lampo da parte dei Carabinieri del capoluogo. Si tratta di due ragazzi di 32 e 22 anni e di tre ragazze diciottenni. Tutti e cinque sono stranieri regolarmente residenti in Italia.

La lite sarebbe scattata alle prime luci dell'alba di giovedì 13 giugno. Difficile risalire alle cause esatte. Secondo una prima ricostruzione la lite sarebbe nata all'esterno del locale, per futili motivi, spiegano i Carabinieri. Il 32enne è stato portato al Pronto Soccorso, con ferite al volto e sul corpo.

Si esclude l'utilizzo di coltelli, le lesioni sarebbero attribuibili a percosse. Ci sarebbero di mezzo, però, anche armi improprie, visto che per entrambi i ragazzi le accuse sono di lesioni personali aggravate dall'uso di oggetti atti ad offendere. Le tre ragazze sono invece accusate di violenza, resistenza e minaccia a pubblici ufficiali.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento