Ubriachi fradici, gli urinano di fianco al bar: esasperato, spara dei colpi in aria

Il fatto a Rovereto. Che cos'è avvenuto

Sul posto i carabinieri

Prima l'alcol. Poi un diverbio e il titolare di un bar, esasperato, con la scacciacani esplode alcuni colpi in aria. Notte movimentata, l'altra sera, in un bar di Rovereto dove un 43enne, responsabile del locale, è stato deferito all'autorità giudiziaria. 

Secondo quanto riportato dai carabinieri, un gruppetto di giovani, nettalmente alticci dopo una serata alcolica, avrebbe iniziato a infastidirlo subito dopo la chiusura del bar. Uno di loro, secondo l'ammissione davanti ai militari, avrebbe addirittura iniziato a urinare su un muro limitrofo all'attività. 

Il 43enne, allora, già spossato dagli schiamazzi e dal comportamento poco educato dei ragazzi, è andato a prendere la pistola e ha sparato alcuni colpi in aria con l'intento di intimidire i giovani. 

I ragazzi sono scappati a gambe levate; poi sono andati nella locale stazione a raccontare l'accaduto. E per il 43enne è arrivata la denuncia, dopo aver raccolto tutte le testimonianze. Ora è al vaglio degli uomini dell'Arma anche la versione del titolare del bar. 

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

I più letti della settimana

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

Torna su
TrentoToday è in caricamento