Rimosse le panchine da piazza Portela

Sono state tolte le strutture in legno disegnate e realizzate appositamente per la piazza. Pensate per il relax dei cittandini ma poi erano invece diventate luogo di ritrovo per gli sfaccendati che stazionano nel quartiere. Spreco di soldi e pallido disincentivo alla microcriminalità in zona

Le panchine dal design un po' futuristico, inizialmente immaginate per rendere più bella e più viva, piazza della Portela sono state rimosse oggi dal Comune. Nei giorni della campagna elettorale si è aperto un infuocato dibattito sulla questione sicurezza nel quartiere e la piazzetta è stata il quartier generale del Comitato per la rinascita di Torre Vanga che, tra le altre cose, lamentava il fatto che le panchine venissero usate principalmente dagli "sfaccendati" che stazionano nelle vie del quartiere, principalmente stranieri. Una volta il titolare della piadineria aveva chiesto loro di andarsene ed è stato preso a schiaffi.

La soluzione più semplice è sembrata dunque quella di toglierle. Una richiesta che ha convinto anche il sindaco Andreatta che, con la Commissione sicurezza del Comune, ha disposto di rimuoverle per disincentivare la presenza di nullafacenti in zona. Una soluzione tanto semplice quanto, pensiamo, poco efficace e sicuramente un peccato se si pensa ai soldi impiegati per realizzare quel particolare modello di panchine, pensate e disegnate appositamente per piazza della Portela. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

  • Lupi sulla Marzola, i forestali confermano

Torna su
TrentoToday è in caricamento