Sette Selle: "Il rifugio è chiuso ma non è abbandonato, rispettatelo"

Il rifugio Sette Selle nel comune di Palù del Fersina sulla catena del Lagorai è stato chiuso er pericolo valanghe. Semicoperto dalla neve caduta, il rifugio è però controllato ogni due o tre giorni dai gestori che hanno ritrovato sorprese poco simpatiche lasciate da qualche escursionista poco rispettoso

foto: Associazione Rifugi del Trentino

Con la neve caduta nelle scorse settimane il rifugio Sette Selle, nella catena del Lagorai, Alta Val dei Mocheni, è stato semisommerso dalla neve. Per entrare bisogna scendere un piccolo "tunnel" ed il tetto è ricoperto da un grosso strato nevso. Tuttavia l'associazione Rifugi del Trentino lancia un appello: "Il Sette Selle è chiuso per pericolo valanghe ma non vuol dire che sia abbandonato. Ogni due/tre giorni i gestori salgono a controllare, per vedere la situazione e ogni volta trovano spiacevoli sorprese. Chiedono quindi gentilmente alle persone che salgono al rifugio di rispettarlo anche se chiuso, di non fare i propri bisogni in prossimità e sul rifugio, di non accendere falò o fuochi e se usate il bivacco assicurarsi che la porta e la luce siano chiuse. La montagna è un mondo di regole, talvolta non scritte, ma essenziali, ed il rifugio è la casa di tutti quelli che conoscono il valore di queste parole."

1948203_581806221911572_1987367312_n-2

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento