Rifiuti, Comune Rovereto scrive a Dolomiti energia

"Malgrado i nostri solleciti è del tutto evidente che i cittadini di Rovereto non sono stati ancora adeguatamente informati circa le novità introdotte dal nuovo sistema di tariffazione puntuale per i rifiuti"

"Malgrado i nostri solleciti è del tutto evidente che i cittadini di Rovereto non sono stati ancora adeguatamente informati circa le novità introdotte dal nuovo sistema di tariffazione puntuale per i rifiuti". Lo scrive il sindaco di Rovereto, Andrea Miorandi a Dolomiti Energia sollecitando una campagna informativa a tappeto. Il sindaco pone una serie di richieste "ultimative, pena ulteriori azioni formali di protesta da parte nostra". Nel dettaglio si vuole l'invio urgente a tutti i capifamiglia di un vademecum, che illustri le ragioni della scelta di andare a tariffa puntuale, che fornisca le informazioni utili su come limitare la produzione di rifiuto residuo e ribadisca le informazioni di base per il reperimento dei sacchi e dei materiali adeguati. Inoltre si chiede venga data pubblicità a tutti gli incontri pubblici sull'argomento e venga predisposto un calendario urgente con date e luoghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

  • In arrivo temporali, grandinate e raffiche di vento: allerta della protezione civile

Torna su
TrentoToday è in caricamento