Dodici dipendenti provinciali fanno ricorso per 1 milione di arretrati

Si chiede il rispetto del contratto provinciale di lavoro, che prevede il pagamento di oneri per i responsabili della sicurezza: 8 mila e 500 euro l'anno a testa dal 1 gennaio 2001 al 31 dicembre del 2010

Dodici dipendenti provinciali (tra loro anche alcuni ex, perché ormai in pensione) hanno presentato ricorso al Tar di Trento per chiedere il rispetto di una norma del 2001 inserita nel contratto provinciale, che prevede il pagamento di oneri per i responsabili della sicurezza. Si tratta di dieci anni di arretrati, 8 mila e 500 euro l'anno dal 1 gennaio 2001 al 31 dicembre del 2010. In totale la cifra supera il milione di euro. Il ricorso è stato presentato il 7 settembre scorso e la giunta provinciale, ritenendolo infondato, ha deciso tre giorni fa di resistere presentando opposizione attraverso il proprio ufficio legale. Alla fine di novembre dovrebbe svolgersi un'udienza in cui si cercherà l'accordo tra le parti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento