L'Università di Trento cerca persone che parlino dialetto per un progetto di ricerca

Cercansi parlanti di cimbro, mòcheno, ladino o di uno dei dialetti delle vallate trentine

L’Università di Trento è impegnata nella costruzione di una banca dati che raccolga contributi orali relativi alle lingue minoritarie e ai dialetti parlati nell’area compresa tra Innsbruck e Verona. La ricerca coinvolgerà anche la popolazione delle valli trentine e dell’Alto Adige attraverso un questionario online che sarà somministrato nelle prossime settimane e proprio a tale scopo si cercano persone che parlino un dialetto trentino o tirolese, il ladino o una varietà linguistica germanica come il mòcheno o il cimbro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VinKo, varietà in contatto, è il nome del progetto, condotto da un gruppo di ricerca dell'ateneo trentino in collaborazione con l'Università di Verona. La costruzione della banca dati si colloca nel quadro di un progetto europeo finalizzato a studiare il multilinguismo in Europa da diverse prospettive e rientra in un progetto PRIN (Progetti di Rilevante Interesse Nazionale). Responsabili del progetto sono i professori Patrizia Cordin, Ermenegildo Bidese e Roberto Zamparelli per l’Università di Trento e Birgit Alber per l’Università di Verona. Ecco come partecipare, clicca qui...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

Torna su
TrentoToday è in caricamento