Revisioni truccate: i titolari dell'officina accusati in quanto "pubblici ufficiali"

Si aggrava la posizione dei ue titolari dell'officina ledrense, al centro di un'indagine per revisioni effettuate scambiando targhe e veicoli

Sono accusati di "falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale" i due titolari dell'autofficina di Levico coinvolti nell'indagine sulle revisioni "taroccate" presentata nei giorni scorsi dalla Polizia Stradale di Trento. Gli agenti hanno sequestrato i documenti di circa un migliaio di revisioni, riscontrando una decina di irregolarità. In tutti i casi il metodo usato per aggirare le norme era quello di sostituire la targa del veicolo da revisionare durante la prova freni.

In quel momento chi svolge il controllo lo fa in vsete di pubblico ufficiale, ettaglio che naturalmente aggrava l'accusa. In pratica veniva sottoposto alla prova un veicolo nuovo, o comunque in grado ddi passare la revisione, con la targa del veicolo da revisionare. Particolare che ovviamente non compariva nei documenti ufficiali. Il Servizio Motorizzazione Civile della Provincia ha disposto la sospensione dell'attività per l'officina. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Sempre più trentini emigrano all'estero, prima destinazione Regno Unito

  • Cronaca

    Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Cronaca

    Paga una Porsche usata con un assegno falso: arrestato super-truffatore

  • Politica

    Cacciatori sulle strade forestali: proposta bocciata

I più letti della settimana

  • "Meraviglie": Alberto Angela torna in Trentino, questa volta al Castello del Buonconsiglio

  • Valsugana: centrato dall'auto al bivio di Levico, muore motociclista

  • Marcia per il clima: anche a Trento i giovani chiedono un futuro vivibile

  • Weekend: Fiera, San Patrizio e tanti eventi

  • Una collina di rifiuti alta 23 metri in una cava a Mezzocorona: blitz dei carabinieri

  • "Duello" a ricreazione con mazza e punteruolo: la lite era nata su facebook

Torna su
TrentoToday è in caricamento