Revisioni truccate: i titolari dell'officina accusati in quanto "pubblici ufficiali"

Si aggrava la posizione dei ue titolari dell'officina ledrense, al centro di un'indagine per revisioni effettuate scambiando targhe e veicoli

Sono accusati di "falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale" i due titolari dell'autofficina di Levico coinvolti nell'indagine sulle revisioni "taroccate" presentata nei giorni scorsi dalla Polizia Stradale di Trento. Gli agenti hanno sequestrato i documenti di circa un migliaio di revisioni, riscontrando una decina di irregolarità. In tutti i casi il metodo usato per aggirare le norme era quello di sostituire la targa del veicolo da revisionare durante la prova freni.

In quel momento chi svolge il controllo lo fa in vsete di pubblico ufficiale, ettaglio che naturalmente aggrava l'accusa. In pratica veniva sottoposto alla prova un veicolo nuovo, o comunque in grado ddi passare la revisione, con la targa del veicolo da revisionare. Particolare che ovviamente non compariva nei documenti ufficiali. Il Servizio Motorizzazione Civile della Provincia ha disposto la sospensione dell'attività per l'officina. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Meno tasse alle aziende che alzano gli stipendi: la proposta di Olivi in Consiglio provinciale

  • Cronaca

    Anche in Trentino i capitreno "indosseranno" le minitelecamere

  • Incidenti stradali

    Terribile incidente, Marco De Barba schiacciato dalla sua auto

  • Attualità

    Piazza Dante: il Liber Cafè torna ad essere gestito dagli Alpini

I più letti della settimana

  • A Trento la migliore università d'Italia

  • Incidente mortale a Lavis, auto contro un camion cisterna di GPL

  • Schianto mortale al passo Vezzena, vittima un motociclista di 26 anni

  • Due trentini in Mongolia con una Cinquecento: l'avventura della Ciurma Mezzabotte

  • Tartaruga asiatica nel lago di Garda attacca i pulcini di germano reale

  • Ritrovato a Verona il paziente psichiatrico evaso da Pergine

Torna su
TrentoToday è in caricamento