A Calliano la reliquia di Carlo I d'Asburgo, ultimo imperatore d'Austria e beato

Domenica a Calliano saranno consegnate le reliquie ex carne dei Carlo I d'Asburgo, imperatore d'Austria dal 1916 fino alla fine della Grande Guerra, beatificato nel 2004 da Giovanni Paolo II

Sarà portata a Calliano con una celebrazione solenne la reliquia di Carlo I d'Asburgo, ultimo imperatore d'Austria, beato della Chiesa Cattolica. La celebrazione si terrà domenica 29 ottobre presso la Chiesa di San Lorenzo, che custodirà d'ora la reliquia. "Si tratta di una reliquia ex carne - ci spiega il parroco di Besenello e Calliano don Roberto Ghetta - donataci dai discendenti di Carlo I, in accordo con la Gebetsliga, il gruppo internazionale legato alla sua figura. Una figura davvero interessante: passò dall'essere un grande imperatore ad essere esiliato, ma mantenne la capacità di affrontare le avversità grazie alla fede".

Figlio primogenito dell'arciduca Ottone d'Austria e di Maria Giuseppa di Sassonia, nato nel 1887 Karl Franz Josef von Habsburg-Lothringen salì al trono imperiale negli anni drammatici della Prima Guerra Mondiale, dopo la morte dello zio Francesco Giuseppe, il 21 novembre 1916. La beatificazione da  parte della Chiesa Cattolica, avvenuta nel 2004 ad opera di Giovanni Paolo II, è dovuta, tra le  altre cose, ai propositi di pace del giovane imperatore.

Carlo I sostenne la posizione di papa Benedetto XV contro l'"inutile strage", nonostante ciò la guerra, alla quale aveva preso parte l'anno precedente come comandante del XX Corpo dei Kaiserjäger, durò ancora due anni dopo il suo insediamento. Alla fine del conflitto, con il crollo dell'Impero Austro-ungarico, Carlo I trovò riparo in Svizzera, tentando due volte di riacquistare il trono d'Ungheria. Catturato il 24 ottobre 1921 venne esiliato con gli otto figli e la moglie, la principessa Zita di Borbone-Parma, sull'isola portoghese di Madera, dove morì nemmeno un anno più tardi, il 1° aprile 1922, all'età di 35 anni. 

Alla cerimonia di domenica saranno presenti le autorità civili e religiose locali, e l'arciduca Georgo von Habsburg, discendente della famiglia imperiale. In anni recenti Calliano ha conosciuto una riscoperta di interesse per i legami tra fede cattolica e storia tirolese, dedicando alcuni anni fa un cippo ai contadini che nel 1809 si schierarono a difesa del paese contro le truppe napoleoniche, chiamati "insorgenti per la fede". In futuro non si esclude di dedicare a Carlo I la cappella recentemente rinnovata, adiacente alla chiesa, dove saranno custodite le reliquie.

Si tratta della seconda reliquia dell'ultimo Kaiser arrivata recentemente in Trentino: in luglio la chiesetta militare ricostruita sull'antica  linea del fronte sopra Fierozzo ha ospitato le reliquie donate dalla chiesetta di Santa Zita al passo Vezzena durante l'annuale cerimonia in memoria dei caduti.
 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Cosa fare Ferragosto: cultura, musica e buona cucina

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento