Aggredito nel suo negozio da due minorenni: bottino da 100 euro

Mentre uno dei due ha bloccato il gestore del negozio di kebab in via Cavour, l'altro si è occupato di svuotare il contenuto del registratore di cassa. Li hanno fermati i carabinieri, che li hanno denunciati per rapina

Aggredito e immobilizzato a terra con la suola di una scarpa spiaccicata sulla faccia, Oleh Sobchyshyn, che gestisce il negozio di kebab in via Cavour, non ha avuto il tempo di reagire. Ieri pomeriggio, in pieno centro città, l'uomo, di 50 anni, è stato infatti aggredito nel suo locale da due ragazzini nemmeno maggiorenni. I giovanissimi sono stati denunciati per rapina e possesso di stupefacenti (addosso i carabinieri gli hanno trovato dell'hashish).

I due ragazzini sono entrati nel locale due volte nel giro di poche ore: la prima senza ordinare nulla e scambiando un paio di parole con il gestore, che si era insospettito dal loro atteggiamento. la seconda volta, poco dopo le 15, sono entrati per ordinare. Mentre uno dei due ha bloccato Sobchyshyn, intento a preparare un paio di kebab, l'altro si è occupato di svuotare il contenuto del registratore di cassa, dove c'erano appena 100 euro. Il tutto è durato pochissimi minuti, poi i due aggressori se ne sono andati indisturbati. Li hanno fermati i carabinieri, che li hanno condotti in caserma dove sono stati poi riconosciuti da Sobchyshyn. 
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento