Preso a calci e pugni, poi rapinato: l'aggressore condannato ad un anno e sei mesi

Subito rintracciato il rapinatore protagonista dell'episodio avvenuto in via Torre Vanga

Spinto a terra, preso a calci ed infine rapinato. E' quanto accaduto ad un trentino che nella serata di lunedì 2 marzo si trovava a passare per via Torre Vanga. Una volta rialzatosi il malcapitato ha chiamato il 112: i carabinieri si sono messi subito sulle tracce del rapinatore e lo hanno trovato poco dopo emore in zona, in piazzetta 2 settembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un 39enne, cittadino tunisino, senza dimora. E' stato dichiarato in arresto per rapina e porto abusivo di oggetti atti ad offendere, visto ch addosso aveva anche un coltello. Il bottino, tre auricolari per telefono e due torce secondo quanto riportato nel comunicato dei carabinieri, è stato restituito al proprietario. Il rapinatore, dopo una notte in caserma, è stato giudicarto per direttissima: condanna ad un anno e sei mesi di reclusione e 1000 euro di multa. E' tato condotto al carcere di Spini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento