Rapina in via della Saluga: presi i presunti reponsabili, la pistola era finta

Identificato un diciottenne straniero che avrebbe agito con la complicità di un minorenne italiano, l'arma era finta ma priva del tappo rosso

Pistola giocattolo priva di tappo rosso

Non è stato facile risalire ai responsabili della rapina ai danni di uno studente messa a segno lo scorso 19 gennaio in via della Saluga. Una via particolarmente buia, con poco passaggio di persone, e soprattutto senza telecamere. Gli inquirenti sono rsiuctiti ad individuare due presunti responsabili vagliando le immagini delle telecamere di una zona molto estesa.

Grazie ad un'analisi comparata dei vari fotogrammi sono riusciti a ricostruire gli spostamenti dei due e quindi ad identificarli. E' stata anche recuperata l'arrma utilizzata per la rapina, che si è rivelata essere una pistola giocattolo priva del tappo rosso obbligatorio per distinguerla da una vera. I due responsabili sono un diciottenne straniero ed un minore italiano. Il primo si trova in carcere mentre il secondo è stato denunciato a piede libero.

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento