Sono in auto, due malviventi sfodano il vetro e puntano pistola e coltello: "Dateci i soldi"

Sconcertante episodio a Martignano, è caccia ai rapinatori

foto di repertorio

Ha davvero dell'incredibile la denuncia di un ragazzo e di una ragazza che nella notte tra domenica 12 e lunedì 13 gennaio hanno chiamato il 112 dicendo di essere stati vittime di una rapina dai contorni particolarmente violenti nel sobborgo collinare di Martignano.

I due giovani si trovavano fermi in auto quando due malviventi, con il volto coperto da passamontagna, li avrebbero affiancati all'improvviso rompendo il vetro del finestrino e minacciandoli con coltelli e pistola. "Dateci tutto quello che avete!". Una scena durata pochi secondi, ma di una violenza davvero sconcertante.

La coppia, in particolare la ragazza che si trovava sul lato del vetro sfondato, avrebbe opposto resistenza facendo così desistere i due che, nel timore di essere scoperti, sono fuggiti a mani vuote. Non è chiaro se i due, una volta allontanatisi a piedi dall'auto delle vittime, siano saliti su un motorino nascosto nelle vicinanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando le due vittime, passata la paura, hanno chiamato il 112 i carabinieri si sono precipitati sul posto, controllando l'intero sobborgo, ma dei ladri nessuna traccia. Sono in corso le indagini per tentare di identificarli. L'episodio ha destato non poca preoccupazione nell'opinione pubblica, specialmente tra i residenti del tranquillo sobborgo collinare, dove già un anno fa la commessa del supermercato di paese si era vista puntare contro una pistola per una tentata rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento