Uffici postali a rischio chiusura: l'Italia dei Valori raccoglie le firme

No alla chiusura degli Uffici Postali  in Trentino, a lanciare la raccolta firme pr chiederealle  Poste di rivedere il  piano che potrebbe portare alla chiusura di ciinque sedi è  l'Italia dei Valori che ha annunciato una petizione sia via internet che tramite iniziative su territorio. Il piano  di  razionalizzazione, com'è noto, mette a rischio cinque sportelli su tutto il territorio  provinciale, per i quali si  sono  già mossi il presidente Ugo Rossi, l'assessore all'economia Alessandro Olivi, e, a livello nazionale,  il senatore Franco Panizza

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In un piano di razionalizzazione dei servizi offerti alla clientela non dovrà mai mancare il buonsenso – si legge nella nota - circostanza che non pare ispirare l'azione avviata da Poste italiane. Noi chiediamo che la società, prima di ogni cambiamento, si confronti preventivamente con istituzioni e territorio, concertando le modalità di attuazione di questo piano senza imposizioni dall'alto e applicando criteri che tengano conto delle esigenze territoriali da valutare caso per caso. Siamo a favore del taglio degli sprechi, ma contrari a chiusure che penalizzino intere comunità che potrebbero essere private di un servizio universale fondamentale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento