Quirico a Rovereto: "In Siria una guerra che comanda se stessa"

"Una guerra interminabile, un trattato è impensabile quando si parla di purezza e impurità, è la morte della diplomazia" così il giornalista all'ultima Lezione di Storia al Teatro Zandonai

"Quello ad Aleppo non è un assedio, la guerra è entrata nella città e se ne è impadronita". Parla di una "mutazione antropologica" dei siriani presi nella morsa di una guerra che dura da 6 anni e che non sembra destinata a finire, Domenico Quirico, l'inviato e La Stampa nell'inferno siriano, che ha parlato al Teatro Zandonai di Rovereto  per l'ultimo appuntamento di Lezioni di Storia. E sono proprio le categorie della Storia, quelle con cui il giornalista analizza e racconta ciò che sta succedendo in Medio Oriente, o meglio nel "Vicino Oriente", come llo chiama, perchè in fondo "è  il nostro Mondo".

L'analisi della parola 'califfato', ovvero uno stato islamico dove potere temporale e spirituale coincidono, fa da sfondo ad una narrazione intrisa di sofferenza: "ad Aleppo i bambini hanno sviluppato un udito particolare che permette loro di capire dove sono gli elicotteri, le persone camminano chine, da una maceria all'altra, ogni giorno da sei anni - racconta Quirico - non c'è più nessuno che comanda questa guerra, è la morte della diplomazia, un trattato è impossibile perchè una delle due parti non può trattare, ragiona in terminidi puro e impuro, e ciò che è impuro va elimitato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è la prima volta che accade, la Guerra dei Trent'anni nacque come conflitto tra cattolici e riformati in Boemia, poi cambiò forma, direzione, a chi l'ha vissuta dev'essere sembrata interminabile. E' così oggi in Siria - spiega Quirico - le frontiere tracciate dall'Occidente non saranno mai più ristabilite, il messaggio che viene proposto a milioni di musulmani in tutto il mondo è un ritorno all'epoca d'oro: in Occidente il tempo storico è il presente, ed ancor più il futuro, in Medio Oriente il presente è umiliazione, sconfitta, il passato è visto con lenti metastoriche, è uno slogan". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento