Protonterapia: messo a punto metodo di cura su organi di movimento

Ultimato il primo trattamento che prevede il controllo del respiro del paziente e la sua sincronizzazione con l’erogazione del fascio di protoni. Una tecnica che cura neoplasie in organi soggetti al movimento

Un nuova metodica di trattamento clinico di una lesione neoplastica è stata messa a punto e recentemente utilizzata con successo nel Centro di protonterapia di Trento. Nelle scorse settimane, si legge in una nota dell'ufficio stampa dell'Aziende sanitaria, è stato infatti ultimato il primo trattamento che prevede il controllo del respiro del paziente e la sua sincronizzazione con l’erogazione del fascio di protoni. Si tratta di una complessa tecnica all’avanguardia, che utilizza i protoni per la cura di neoplasie situate in organi soggetti al movimento. Durante l’irradiazione, in virtù dell’elevata sensibilità delle particelle di protoni al movimento d’organo, risulta difficile il trattamento di lesioni mobili che vanno controllate e monitorate durante la seduta di terapia. Per monitorare quindi il respiro del paziente sia durante le procedure di simulazione sia durante la sessione di trattamento è stato utilizzato un sistema dedicato integrato con la consolle di gestione del trattamento che ha consentito di sincronizzare l’erogazione del fascio di protoni nella finestra di respiro programmata, interrompendolo automaticamente in caso di fuoriuscita del segnale respiratorio dall’intervallo definito. 

Piena soddisfazione per la sicurezza clinica della tecnica utilizzata e del suo risultato da parte di tutti i referenti clinici e fisici del trattamento. Secondo il dottor Maurizio Amichetti, direttore dell’Unità operativa di protonterapia, "l’implementazione di questa tecnica rappresenta un grosso passo avanti per la completa attuazione pratica dell’active scanning, la tecnica di trattamento protonterapico di ultima generazione in sedi anatomiche e in patologie che risentono del movimento d’organo come ad esempio fegato, polmone o addome superiore". Il Centro di Trento ha instaurato una collaborazione con altri centri di protonterapia europei attraverso il gruppo Ipacs, creato per promuovere lo scambio di esperienze da un punto di vista clinico e fisico medico e il confronto sui temi riguardanti la pianificazione dei trattamenti, l’assicurazione di qualità, le indicazioni terapeutiche studiando collegialmente casi clinici in modo da rendere comuni le conoscenze e le esperienze dei vari centri.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

  • Fuga di Gpl sulla Valsugana: bloccata anche la ferrovia Trento-Bassano

Torna su
TrentoToday è in caricamento