Trentino, ogni anno 300 escursionisti si perdono nei boschi

Nella metà dei casi l'allarme per la scomparsa si risolve positivamente in poche ore, nell'altra metà entro 1 o 2 giorni, dai 5 ai 10 ogni anno sono i casi in cui lo scomparso non viene ritrovato oppure muore

Ogni anno in Trentino sono circa 300 gli escursionisti che si perdono nei boschi e in soccorso dei quali vengono attivate interventi di ricerca persone. Nella metà dei casi l'allarme per la scomparsa si risolve positivamente in poche ore, nell'altra metà entro 1 o 2 giorni, dai 5 ai 10 ogni anno sono i casi in cui la persona scomparsa non viene ritrovata in tempi ragionevoli oppure ritrovata deceduta. Numeri che fanno da sfondo all'esercitazione 'Valle di Daone 2012', organizzata dalla Protezione civile trentina-servizio Prevenzione rischi, in collaborazione con il Corpo volontario dei Vigili del fuoco di Daone che impegnera' tra sabato e domenica prossimi 150 uomini nell'alta valle di Daone, nella zona compresa fra il lago di Boazzo e il lago di Malga Bissina. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Cane investito da una moto, il padrone vede la scena e sviene

Torna su
TrentoToday è in caricamento