Protezione Civile trentina partita per la missione in Bosnia

E'partita all'alba la colonna con 25 uomini e cinque mezzi alla volta del paese di Bijelijna in Bosnia, verso il confine con la Serbia. Da domani il contingente si metterà al lavoro insieme a colleghi del Friuli Venezia Giulia e del Molise per liberare dall'acqua le zone ancora allagate. Le stime parlano di un milione di sfollati in tutto il Paese

E' partita all'alba oggi, sabato 31 maggio, la colonna della Protezione Civile trentina che raggiungerà la cittadina di Bijeljina in Bosnia, verso il confine serbo. L'arrivo è previsto per la serata di oggi. Da domenica i 25 uomini del contingente saranno al lavoro con idrovore e autopompe per liberare dall'acqua le zone ancora allagate dopo la tremenda alluvione che due settimane fa ha colpito quasi la metà del territorio nazionale bosniaco e vaste aree della Serbia, secondo le stime sarebbero oltre centomila le case inagibili ed un milione le persone sfollate. 

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento