Richiedenti asilo: alcuni saranno spostati da Marco. Rossi ai Comuni: "Miglioriamo insieme"

Alcuni richiedenti asilo saranno spostati dal campo della protezione civile per permettere lavori di miglioramento

Lo spostamento di alcuni richiedenti asilo dal campo della Protezione Civile di Marco è stato "argomento di una riflessione a margine della riunione della Giunta con l'assessore Zeni". Lo ha dichiarato il presidente della Provincia Ugo Rossi dopo quanto anticipato, forse un po' "a caldo", dallo stesso assessore durante la visita con l'arcivescovo di Trento monsignor Lauro Tisi al campo.

Rossi, nelle dichiarazioni raccolte dai cronisti dell'Ansa oggi, sottolinea come il Trentino sia "l'unico territorio italiano che  ha un'associazione dedicata a questo, il Cinformi". "Da parte dello Stato - ha detto - è sempre stato garantito il rispetto delle quote e qui quello dell'accoglienza. Ciò non significa non potere migliorare tutti insieme, mi auguro anche con le amministrazioni comunali". I Comuni trentini che ad oggi non hanno accolto nemmeno un richiedente asilo sono ancora la maggioranza: 111 contro i 66 che in qualche misura hanno attivato percorsi di accoglienza. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Salvini a Pinzolo: "Reintrodurre la leva militare"

  • Cronaca

    Dispersi nella neve al Refavaie, salvati dal Soccorso Alpino

  • Green

    Api in pericolo a Trento sud. La replica della Fondazione Mach: "Tutto regolare"

  • Cronaca

    La tuta alare non si apre, muore base jumper

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • La tuta alare non si apre, muore base jumper

  • Due incidenti nella notte a Riva del Garda: feriti tre ventenni

Torna su
TrentoToday è in caricamento