Transacqua: alcol ai minori, barista denunciato

Controllo dei carabinieri di Cavalese nei bar del Primiero: in provincia di Trento l'età minima per l'alcol è 18 anni, i cartelli non bastano, bisogna controllare, pena la denuncia. Il titolare di un bar di Transacqua dovrà rispondere davanti al giudice

Controllo dei carabinieri di Cavalese nei bar del Primiero: il titolare di un noto locale di Transacqua è stato denunciato per somministrazione di bevande alcoliche a minorenni. Il titolare non si è infatti premurato di accertare l'età dei clienti, anche tramite controllo del documento, nè ha informato i suoi dipendenti di dover assolvere anche a tale funzione di controllo.

"Per la provincia di Trento il divieto di somministrazione non riguarda i minori di 16 anni ma, in senso più restrittivo, quelli di 18 anni" ricordano i carabinieri "la verifica della maggiore o minore età dell'avventore che richiede bevande alcoliche, non palesemente distinguibile, deve essere svolto dal gestore ma anche da qualsiasi dipendente a cui viene richiesta la consumazione". Non bastano dunque i cartelli, giustamente esposti in ogni locale aperto al pubblico, che ricordano la normativa, bisogna anche verificare. Pena, come nel caso del gestore primierotto, la denuncia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento