Portafogli ritrovati: il Comune pubblica le iniziali dei proprietari

Spesso la prima mossa è quella di denunciare lo smarrimento, ma al Comune di Trento ci sono ben cinquanta portafogli che aspettano di essere reclamati

Quando si perde il portafogli, o magari anche solamente il bancomat o un documento, la prima mossa è quasi sempre quella di rivolgersi ai carabinieri per la denuncia di smarrimento. Un'opzione che comporta non poco lavoro per i militari  in caserma, oltre a un bel po' di tempo in sala d'attesa per il malcapitato.

Spesso però il portafogli aspetta solamente di essere reclamato, in un luogo sicuro: l'ufficio oggetti smarriti del Comune. Da un po' di tempo il Commune di Trento ha deciso di inserire, nell'elenco degli oggetti ritrovati pubblicato mensilmente, le iniziali ed il luogo di residenza dei proprietari di portafogli ritrovati.

Accade più spesso di quanto si creda che un agente della polizia  locale, ma in molti casi anche un bravo cittadino, ritrovi portafogli e documenti e li porti all'Ufficio relazioni con il Pubblico di via Roma. Nell'elenco degli oggetti ritrovati nel mese di agosto 2017 compaiono ben 53 portafogli (in un caso anche una borsetta da donna) con documenti, seguiti dalle iniziali e dal luogo di residenza del  proprietario. Se avete perso il perso qualcosa e vi state recando in caserma per la denuncia forse è meglio, prima, dare un'occhiata al sito del Comune. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

Torna su
TrentoToday è in caricamento