Pompiere accusato di aver incendiato un capannone, assolto secondo grado

Sentenza d'appello che ribalta quella di primo grado per il Vigile del Fuoco di Roverè della Luna

Assolto per non aver commesso il fatto. La difesa del Vigile del Fuoco di Roverè della Luna, accusato di essere in realtà il piromane che aveva dato fuoco ad un magazzino agricolo, è riuscita a ribaltare in Corte d'Appello la sentenza di primo grado che condannava il giovane a 2 anni di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è sua la mano che ha incendiato il capanno tra i vigneti di Mezzocorona nella notte tra l'8 ed il 9 febbraio del 2017. Il ventenne si è sempre professato innocente, e tale è stato giudicato in secondo grado. Dubbi anche sull'effettiva origine dolosa dell'incendio dato che in fase processuale è emerso come non sia stato ritrovato alcun innesco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento