Pompiere accusato di aver incendiato un capannone, assolto secondo grado

Sentenza d'appello che ribalta quella di primo grado per il Vigile del Fuoco di Roverè della Luna

Assolto per non aver commesso il fatto. La difesa del Vigile del Fuoco di Roverè della Luna, accusato di essere in realtà il piromane che aveva dato fuoco ad un magazzino agricolo, è riuscita a ribaltare in Corte d'Appello la sentenza di primo grado che condannava il giovane a 2 anni di reclusione.

Non è sua la mano che ha incendiato il capanno tra i vigneti di Mezzocorona nella notte tra l'8 ed il 9 febbraio del 2017. Il ventenne si è sempre professato innocente, e tale è stato giudicato in secondo grado. Dubbi anche sull'effettiva origine dolosa dell'incendio dato che in fase processuale è emerso come non sia stato ritrovato alcun innesco.

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento