La protesta dei poliziotti trentini: divise logore, meglio senza

Scarpe logore, colletti sfilacciati, ed agenti costretti a pagare di tasca propria la divisa con cui lavorare: è l'ennesima situazione di carenza di risorse a spingere il sindacato Coisp a scrivere al Questore per chiedere che esoneri i poliziotti dall'indossare la divisa

I poliziotti in provincia di Trento sono costretti a pagare di tasca propria parte della divisa: questa la denuncia del sindacato di polizia Coisp, ripresa dall'Ansa. Per quanto riguarda la tanto pubblicizzata nuova divisa (vedi foto) nè è stato consegnato un solo paio, per il resto gli agenti sono costretti ad andare in servizio con scarpe logore e colletti sfilacciati.

Così il segretario provinciale di Coisp Sergio Paoli lancia la protesta, chiedendo, provocatoriamente, che i poliziotti siano esonerati dall'uso della divisa. "Ci acquistiamo camicie, maglioni, guanti, pantaloni - spiega Paoli - abbiamo scritto al Questore perchè legittimi quei poliziotti che preferiranno non indossare affatto la divisa, o quel che ne rimane". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Volotea: due nuove destinazioni dall'Aeroporto Catullo

  • Torna l'obbligo di pneumatici invernali

  • Cosa fare nel weekend: tutti gli eventi

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

  • Infortunio sul lavoro a Grigno, precipita per cinque metri e si schianta al suolo: grave

  • Scende con l'auto dal Castello di Arco e si schianta: grave una donna di 48 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento