Gelataio scrive "Pistacchio di Bronte" ma senza DOP: denunciato dai Nas

Il gelataio sostiene che i pistacchi usati vengono effettivamente da Bronte, per i carabinieri se non c'è DOP non può essere usata la dicitura

Non ha scritto DOP sul catrellino del gelato al pistacchio: è stato denunnciato a piede libero per frode un gelataio rivano, che ora dovrà difendersi da un'accusa alquanto complessa. Il suo legale sostiene infatti che  il pistacchio utilizzato per confezionare il gelato arriva da Bronte, il paese in provincia di Catania famoso per il pistacchio tanto da guadagnare la Denominazione di Origine Protetta. 

Sul cartello però il gelataio ha scritto solo "Pistacchio di Bronte". Un'omissione che non è suggita ai Nas rivani secondo i quali se il pistacchio non è DOP non può nemmeno essere di Bronte: la certificazione  è  necessaria per poter utilizzare la dicitura completa della provenienza dei pistacchi dalla famosa zona siciliana. Una questione che ora finià in Tribunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

Torna su
TrentoToday è in caricamento